Capelli Uomo: tagli e stili per la primavera estate 2019, con Stefano Nizzi, di Stefano Nizzi Hairdressing parrucchieri a Foligno

Vuoi sapere quali sono le tendenze per la nuova collezione primavera estate 2019? Sicuramente presentano stili diversi e riferimenti vari, ma sono miscelati fra loro, in un mix di stili interessante, con tagli che si definiscono diversamente a seconda dello styling, look da ufficio per tutti giorni, da serata, da tempo libero, tutti perfettamente studiati per l’effetto “im-perfetto”.

Per LUI

I tagli si ispirano moltissimo agli anni Sessanta, anni caratterizzati da bob corto reso celebre dai Beatles, che prese poi il nome di “moptop”. La linea è piena, è disconnessa sulla frangia e vuole enfatizzare proprio la ricercata idea di “im-perfezione”. È una naturalezza casuale con cui si gioca con le forme, questo è il nuovo must per l’uomo, che cerca di uno stile semplice ma non scontato, spontaneo e naturale. Ispirazioni dalle passerelle sono certamente una voglia di un nuovo minimalismo, con semplicità e romanticismo nello stile, ma rigoroso nelle forme. Linee molto fluide ma anche molto versatili, in uno stile che risulta di carattere, unico e declinabile. Dalla parte posteriore si allunga il ciuffo, voluminoso, che acquista grinta con uno styling retrò, imperfetto al punto giusto da sembrare naturale. 

E poi c’è il look maschile in stile Urban Dandy, che interpreta il bello del piacere, il gusto dell’esteta per eccellenza, che ama lo stile made in Italy, impeccabile anche se con alcuni sapienti tocchi volutamente imperfetti. I dettagli sono originali e si fanno notare. Il taglio è un undercut creato con tecnica skin fade, elegante anche con ciuffo spettinato in avanti, è un taglio dall’anima molto “urban”, ha un tocco che si valorizza anche nelle occasioni più casual.

Abbi cura della tua immagine.

I tuoi consulenti di bellezza

Stefano e staff

Per conoscere tutti i nostri servizi, le news e le promo visita il sito

clicca “mi piace” sulla nostra pagina Facebook

e seguici su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *